Banner pubblicitari     

Manuale sulla climatizzazione

Verifica del funzionamento:

Le condizioni normali di funzionamento

Per condizioni normali di funzionamento si intendono quelle definite dalla Casa nella documentazione e cioè le ISO 5151.2\T1 e ISO 515.2\High+:

Funzionamento in FREDDO
Aria esterna b.s. (bulbo secco): 35° C
Aria ambiente b.s.: 27° C
Aria ambiente b.u.:19° C (corrisponde ad una umidità relativa circa 50%)

Funzionamento in CALDO
Aria esterna b.s. (bulbo secco): +7° C
Aria esterna b.u.: +6° C (corrisponde ad una unità relativa circa 80%)
Aria ambiente b.s.: 21° C
Naturalmente le condizioni in cui usualmente si andranno a collaudare le macchine sono sensibilmente diverse ed è allora necessario avere dei parametri di riferimento. In base alla esperienza pratica si è rilevato quanto segue:

A) Differenza di temperatura aria ambiente tra ingresso e uscita unità interna.
Per le ragioni esposte in precedenza sulla necessità di deumidificare gli ambienti oltre che raffrescarli si è scelto di lavorare in modo che nelle condizioni anche più sfavorevoli il salto di temperatura sia sempre e comunque maggiore o uguale a 10° C alla massima velocità.
T
i-Tu > 10° C
T
i= temperatura interna         Tu= temperatura uscita

B) Comportamento al tatto delle tubazioni
Le tubazioni del liquido (piccola) e quella del gas (grossa) devono essere fredde.

Torna all'indice

I guasti o malfunzionamenti imputabili ad una non corretta installazione

Cosa si rileva se vi è carica insufficiente?
1) Differenza di temperatura dell'aria tra ingresso e uscita unità interna minore di 10° C.
T
i-Tu<10° C
T
i=temperatura interna     Tu=temperatura uscita
T interna= T uscita minore di 10° C
2) Tubazione del liquido (piccola) tende a ghiacciare.
3) Rubinetto del gas (tubo grande) è asciutto.
N.B.: Un funzionamento prolungato di un impianto scarico di gas refrigerante può provocare la rottura del compressore.

Cosa si rileva se vi è carica eccessiva?
1) L'assorbimento elettrico è maggiore di quanto ci si potrebbe aspettare.
2) Tubazione di ritorno (grossa) più fredda di quella di mandata (piccola).

Torna all'indice